BARBARAe C.  Musica da ballo


SPECIALE  BARBARAeC insieme a

PIPPO FRANCO

 

   
  La foto di rito  

Sul palco L'esibizione La foto ufficiale
     


Pippo Franco compie il suo compleanno insieme a Barbara
 il 2 settembre di ogni anno
     

Il fantastico, unico e numerosissimo pubblico di Montecastrilli


Pippo Franco - all'anagrafe Franco Pippo (Roma, 2 settembre 1940) è un comico, cantante e conduttore televisivo italiano. Come attore ha lavorato soprattutto negli anni settanta in film della commedia erotica all'italiana come "Quel gran pezzo dell'Ubalda tutta nuda e tutta calda" e "Giovannona Coscialunga disonorata con onore". Ha recitato anche in "Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?" di Billy Wilder, in "Nell'anno del Signore" di Luigi Magni e in "Arrivano i bersaglieri" di Luigi Magni, quest'ultimo del 1980. In teatro è stato protagonista di commedie di grande successo di pubblico, come Belli si nasce, Il naso fuori casa ed E' stato un piacere, tutte scritte ed interpretate assieme a Giancarlo Magalli. Come cantante ha all'attivo numerosi successi come Isotta (1977), Mi scappa la pipì papà (1979), Che fico (1982) e Chi chi chi co co co (1983), Pinocchio Chiò (1984). In televisione ha condotto 1980 la trasmissione del sabato sera abbinata alla Lotteria Italia "Scacco matto" con Laura Troschel (all'epoca sua moglie) e Claudio Cecchetto. Ha quindi lavorato con la compagnia del Bagaglino nei vari spettacoli che si sono susseguiti negli anni, ambientati prevalentemente al Salone Margherita di Roma e trasmessi inizialmente dalla RAI e successivamente da Mediaset. Ha inoltre condotto molte trasmissioni di barzellette come ad esempio La sai l'ultima?. In vista delle elezioni politiche del 2006, si candidò per il Senato nella lista della Democrazia Cristiana per le Autonomie come capolista nella circoscrizione Lazio: nonostante il sostegno pubblicamente dichiarato da Giulio Andreotti, il partito di Pippo Franco ottenne solo lo 0,6% delle preferenze e pertanto l'attore non risultò eletto. Insieme al professore Antonio Di Stefano ha pubblicato due succose raccolte di strafalcioni, cognomi, insegne e annunci comici, "Non prenda niente tre volte al giorni" (2002) e "Qui chiavi subito" (2006), entrambi per Mondadori. Nel 2008 ha presentato una sua canzone al festival di Sanremo, venendo però escluso dalla commissione giudicatrice.
Vi è poi una grottesca leggenda metropolitana su Pippo Franco, che fra l’altro è un assiduo frequentatore di salotti esoterici. Secondo alcuni il vero Pippo Franco sarebbe morto nei primi anni Ottanta, assassinato da un agricoltore a cui stava rubando delle mandorle. Nel mentre che un quotidiano si apprestava a pubblicare la notizia (fra l’altro documentata fotograficamente), la Rai ha istituito velocemente un concorso per trovarne il sosia. Quindi, il Pippo Franco attuale sarebbe dunque un certo Salatino Fulvio Franco. Ma queste sono solo leggende…

 
INDIETRO